PARTECIPARE LA DEMOCRAZIA

Camera del lavoro e Lega delle cooperative

Nel 1900 ad Imola fu costituita una succursale della Camera del Lavoro di Bologna, che divenne autonoma l’anno seguente: il comune mise a disposizione una sede in palazzo Calderini in via Cavour nn. 88-64, antico palazzo risalente al tempo dei Riario-Sforza, che venne ristrutturato con il lavoro volontario. Successivamente, la Camera del Lavoro ebbe sede in palazzo Dal Pero, famiglia di origine antica, vicino al duomo, indi in via Cosimo Morelli al n. 19, infine dagli anni ’80 si trova nell’attuale sede in via Emilia n. 44 nello storico palazzo Miti-Zagnoni poi Raffi, un edificio risalente al ‘400 e ristrutturato nel ‘700, che ancora conserva tracce rinascimentali.

Quasi di fronte, sulla stessa strada, si trova la sede della Lega delle Cooperative in via Emilia n. 25, anch’essa in un palazzo storico, Machirelli poi Dal Pozzo, risalente al ‘400, acquistato nel 1920 dal Magazzino Cooperativo di Consumo chi qui riunì varie attività.

Imola è terra di cooperazione, sia per il radicamento e per il numero attuale di società cooperative (quasi un centinaio), sia per la storia di un mutualismo che qui affonda le radici nell’associazionismo ottocentesco dei repubblicani e dei socialisti di Andrea Costa, per cui già alla fine dell’ ‘800 se ne contavano tantissime.