PARTECIPARE LA DEMOCRAZIA

“Eccidio proletario”, 22 marzo 1950

Il 22 marzo 1950 al termine di una manifestazione di protesta in piazza Marconi (oggi piazzale della Pace) contro il governo De Gasperi e in solidarietà con le vittime della violenza della polizia, due lavoratori di Parma vennero assassinati dalla polizia. Conclusa la manifestazione un corteo si diresse verso la Camera del lavoro in via Petrarca. All’altezza di borgo Sant’Ambrogio, Attila Alberti, operaio disoccupato, venne spinto contro il muro e ucciso con arma da fuoco. Nei giorni seguenti moriva in carcere Filipelli, diabetico, arrestato durante i disordini e lasciato morire in carcere senza cure. La Questura denunciò il gruppo dirigente sindacale e politico del PCI per la stampa di un manifesto che denunciava gli assassini.