PARTECIPARE LA DEMOCRAZIA

Videointervista di Edoardo Preger

Nato a Roma nel 1947, laureatosi nel 1971, ha costruito le prime esperienze urbanistiche in piccoli comuni della provincia di Matera. Si è trasferito a Cesena nel 1973 per lavorare nell’Ufficio di Piano, di cui è stato dirigente dal 1976 al 1987, partecipando alla pianificazione e alla gestione dei nuovi strumenti urbanistici. Eletto Vice Sindaco nel 1990, è diventato Sindaco di Cesena nel 1992, poi riconfermato nella legislatura dal 1995 al 1999.

Data di creazione: 30/6/2020

Luogo/produzione origine: Cesena-Italia

Soggetto produttore/provenienza: Davide Sparano/ Istituto Storico Parri Bologna

Compilazione: Davide Sparano – 1/7/2020

Consistenza, supporto e formato: Schede SD, Full HD

Durata: 50’

Stato di conservazione

  • Video: Buono
  • Audio: Buono

Descrizione ambiti e contenuto

Videointervista effettuata ad Edoardo Preger il giorno 30/6/2020 presso la “Fondazione Radici della Sinistra” in Viale Giovanni Bovio 48 a Cesena.

Note alla descrizione

Riprese effettuate con una telecamera fissa sull’intervistato
Soggetto/i intervistato/i e nota biografica

Sommario

L’intervistato descrive:

  • 00.01 L’infanzia; figlio di profughi ebrei fuggiti da Zagabria nel 1941 e internati in Italia, il padre tra i fondatori dell’Algida; i motivi dell’anticomunismo in famiglia; l’avvicinamento alle idee di sinistra durane l’esperienza in un kibbutz; l’esperienza lavorativa alla RAI con Enzo Arbore; i rapporti con Vittorio Foa e altri intellettuali della sinistra; l’esperienza in provincia di Matera dopo la laurea.
  • 04.00 Nel 1973 si trasferisce in Emilia-Romagna; la vittoria del concorso a          Cesena; l’esperienza di quattordici  anni all’Ufficio di Piano; la progettazione dei quartieri; la regia pubblica del Comune; il quartiere delle Vigne; il ruolo della sezione di quartiere; nel 1974 il tesseramento; la figura di Enrico Berlinguer; la vita del militante di base.
  • 10.10 Nel 1987 il licenziamento e l’attività professionale; nel 1990 la candidatura con il PCI per la giunta comunale di Cesena; la prima esperienza delle primarie; la vittoria e la nuova esperienza nell’amministrazione.
  • 14.40 Gli assi strategici della politica urbanistica del PCI a Cesena; il Piano regolatore; il piano centro storico; l’esperienza del quartiere Valdoca; la presenza della Regione.
  • 18.41 Le scelte di pianificazione nei settori dell’industria e dell’artigianato; la crisi con il partito Repubblicano nel 1992 sulla collocazione dell’ Ipermercato.
  • 22.30 il tema della qualità della vita e il riequilibrio tra le aree del centro storico e la periferia; il dialogo con i quartieri cittadini e la partecipazione; il ruolo degli amministratori durante la crisi dei partiti.
  • 29.00 La vita del militante di base; le circoscrizioni; il 1978.
  • 34.19 Gli anni della svolta e il declino del partito; la campagna elettorale del 1990; lo sbandamento nelle sezioni; gli sviluppi nell’amministrazione; il lavoro di risanamento del Comune; l’Università a Cesena.
  • 42.11 La vocazione agricola di Cesena e il rapporto con l’urbanistica; la lezione di Pier Paolo D’Attorre; la nascita delle cooperative nel distretto di Cesena e il legame storico con la mezzadria; la realizzazione del canale emiliano-romagnolo; la Macfrut: fiera ortofrutticola; la capacità di leggere le trasformazioni;
  • 48.24 Il significato dell’esperienza umana, politica, personale.

Supervisore/curatore: Luisa Cigognetti, Davide Sparano

Intervistatore: Federico Morgagni

Operatore: Davide Sparano