PARTECIPARE LA DEMOCRAZIA

Salamini, mobilitazione dei lavoratori contro la chiusura dell'azienda

Nel pomeriggio di martedì 26 ottobre 1969 si svolse per le vie del centro di Parma, una grande manifestazione con l’obbiettivo di sollecitare un immediato intervento del governo Rumor per scongiurare il fallimento della Salamini. Nel gennaio del’69, infatti, l’azienda di elettrodomestici, da tempo in crisi, aveva annunciato la chiusura dello stabilimento cittadino, mettendo così a rischio numerosi posti di lavoro. Appresa la notizia alcuni operai avevano occupato i locali della fabbrica in segno di protesta. Nei mesi successivi la vicenda fu al centro di un vero e proprio braccio di ferro fra governo e sindacati. In città su iniziativa del PCI e del comune nacque un comitato unitario, comprendente le principali forze politiche, che tentò invano di evitare la definitiva chiusura della fabbrica.