PARTECIPARE LA DEMOCRAZIA

Ravenna, Savarna

Tra le mobilitazioni del Pci più presenti sul territorio nei primi anni del dopoguerra c’è quella contro il Patto atlantico, declinata negli slogan a favore della pace e contro la ripresa di nuovi conflitti. Di questa mobilitazione si fecero promotrici e sostenitrici principalmente le donne delle Commissioni femminili e dell’Udi, impegnate faticosamente nella costruzione di un proprio spazio politico, e al contempo in viva relazione con una popolazione femminile perlopiù contadina che aveva vissuto pesantemente gli effetti della guerra e aveva conosciuto da vicino la lotta di Liberazione. A Savarna nell’aprile del 1949 una manifestazione di donne contro il Patto atlantico si accompagna alla commemorazione dei partigiani caduti del paese, in un corteo che porta omaggio a tutti i cippi dedicati alle vittime. La presenza femminile in questo tipo di manifestazioni è costante, la parola d’ordine è la pace da difendere anche in quanto donne, portatrici del lutto e custodi della vita civile.

Riferimenti

  • A' ve fat dla vita. Storie di vita e di resistenza delle genti di Savarna, Grattacoppa, Conventello, a cura di Frediano Baldi, Savarna, Anpi, 2011.
  • I cippi ai nostri caduti 1940-1952. Savarna, Grattacoppa, Conventello, a cura di Frediano Baldi e Corrado Rivola, Savarna, Anpi, 2015
  • Severino Galante, La politica del PCI e il Patto atlantico. Rinascita 1946-'49, Padova, Marsilio, 1973
  • Patrizia Gabrielli, La pace e la mimosa. L'Unione donne italiane e la costruzione politica della memoria (1944-1955), Roma, Donzelli, 2005
  • Archivio Storico Udi Ravenna, Fondo Fotografico, busta 4.