PARTECIPARE LA DEMOCRAZIA

Ravenna, Piazza XX settembre

Il tema dell’aborto e della maternità ha attraversato profondamente le lotte femminili della seconda metà degli anni Settanta. Momento importantissimo di dibattito e di mobilitazione, fu anche snodo decisivo di incontro e collaborazione tra le donne comuniste, la militanza dell’Udi e le istanze del femminismo radicale. In anticipo e talvolta anche in contrasto rispetto agli uomini del proprio partito, le donne comuniste hanno portato avanti insieme alle altre realtà femministe una discussione importante ed estesa, prendendo parte alla battaglia politica per il riconoscimento del valore sociale della maternità, per una legge sull’aborto dalla parte delle donne e contro l’aborto clandestino. Il convergere di queste istanze ha trovato a Ravenna la ribalta delle manifestazioni dell’8 marzo e delle battaglie condivise in difesa della legge 194, fino alla campagna per il “no” ai referendum del 1981.

Riferimenti

  • Dossier Donna: Aborto, violenza e informazione sessuale, Roma : PCI, 1978
  • Laura Orlandini, Anni settanta a Ravenna: una storia di donne. Narrazioni dall'archivio dell'UDI
    Ravenna, Comune di Ravenna, 2019
  • Archivio Udi Ravenna, Fondo Fotografico, busta 7